“Rimosso l’animale…”: oggettività matematica e soggettività sensibile

Parmi, oltre a ciò, di scorgere nel Sarsi ferma credenza, che nel filosofare sia necessario appoggiarsi all’opinioni di qualche celebre autore, sì che la mente nostra, quando non si maritasse col discorso d’un altro, ne dovesse in tutto rimanere sterile ed infeconda; e forse stima che la filosofia sia un libro e una fantasia d’un uomo, come l’Iliade e l’Orlando furioso, libri ne’ quali la meno importante cosa è che quello che vi è scritto sia vero. Signor Sarsi, la cosa non istà così. La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’universo), ma non si può intendere se prima non s’impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne’ quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto. […] Leggi tutto ““Rimosso l’animale…”: oggettività matematica e soggettività sensibile”

Condividi

Breve excursus storico sulle equazioni di primo grado

Sia nelle tavolette degli antichi babilonesi che nei papiri dell’antico Egitto è possibile trovare degli esempi di equazioni di primo grado che venivano fuori dalla necessità di risolvere dei problemi legati alla realtà.

“una quantità sommata con la sua metà diventa 16”

che non vengono risolti mediante il classico formalismo che noi utilizzeremmo di fronte ad un tale problema, ma col metodo, allora noto, della “falsa posizione”.  Leggi tutto “Breve excursus storico sulle equazioni di primo grado”

Condividi

Matematica egiziana

Sfondo storico dell’Egitto

Non sono note le origini della civiltà egiziana, ma questo popolo esisteva già prima del 4000 a.C. Erodoto definiva l’Egitto un dono del Nilo: il fiume scorre da nord a sud e straripava una volta all’anno, lasciando una sostanza fertilissima chiamata limo.

Il periodo di maggior splendore si ebbe durante la terza dinastia (2500 a.C.), infatti proprio in questo periodo furono costruite le piramidi.  Leggi tutto “Matematica egiziana”

Condividi

Matematica babilonese

Sfondo storico della Mesopotamia

Col termine “babilonese” ci si riferisce alle popolazioni che vissero tra il Tigri e l’Eufrate, regione nota come Mesopotamia (odierna Iraq).

  • Sumeri (4000 a.C. circa)

Occupavano il territorio chiamato Sumeria e la loro capitale era Ur. La civiltà sumera giunse al culmine nel 2250 a.c. circa, ma era già stata politicamente sottomessa dagli Akkadi nel 2500 a.C. circa.  Leggi tutto “Matematica babilonese”

Condividi

Dalla teoria “ingenua” alla teoria “assiomatica” degli insiemi

Il concetto di insieme è sempre stato utilizzato dall’uomo sin dall’antichità, anche se bisogna aspettare il 1800 per una teoria assiomatica degli insiemi, nata nel tentativo di risolvere questioni di natura logica.

I primi matematici che trattarono su un piano elementare la teoria degli insiemi furono lo svizzero Leonhard Euler (1707-1783) nelle Lettere a una principessa tedesca (1768) e l’inglese George Boole (1815-1864) nella sua Analisi matematica della logica (1847).

Leggi tutto “Dalla teoria “ingenua” alla teoria “assiomatica” degli insiemi”

Condividi

La matematica primitiva

Grazie ai diversi contributi pervenuti è stato possibile comprendere come la matematica avesse delle origini antichissime che affondano le radici a cavallo tra il Paleolitico e il Neolitico (30.000 anni fa circa).

L’essere umano aveva già intrapreso il processo che l’ha portato a diventare Homo Sapiens, ma non aveva ancora inventato né l’agricoltura né l’allevamento. Era abituato a vivere in gruppo, quindi aveva la necessità di ripartire il cibo. Proprio questa esigenza l’ha condotto a effettuare dei veri e propri calcoli aritmetici, che fanno pensare all’esistenza di una protomatematica. Leggi tutto “La matematica primitiva”

Condividi

Le sezioni coniche (…e la figura di Ipazia)

Le sezioni coniche sono delle curve che si ottengono tagliando un doppio cono con un piano.

Un doppio cono è un solido che si ottiene facendo ruotare una retta, detta generatrice, attorno ad un’altra fissa, detta asse del cono, con la quale ha un punto in comune.

Le sezioni coniche, dette semplicemente coniche, sono di tre tipi:  Leggi tutto “Le sezioni coniche (…e la figura di Ipazia)”

Condividi

Una presentazione sintetica dei contenuti del primo libro degli Elementi di Euclide

Di seguito viene presentata la lista delle definizioni, nozioni comuni, postulati e proposizioni che si possono trovare nel primo libro degli Elementi di Euclide.

EUCLIDE, Libro I – 1

Df. I Punto è ciò che non ha parti.

Df. 2 Linea è lunghezza senza larghezza.

Df. 3 Estremi di una linea sono punti. Leggi tutto “Una presentazione sintetica dei contenuti del primo libro degli Elementi di Euclide”

Condividi

Introduzione alla Matematica e alla sua Storia

PremessaQuesti appunti si configurano come una traccia della storia della matematica. Per tale ragione vengono principalmente riportati i vari periodi storici e i personaggi illustri che hanno contribuito allo sviluppo del sapere matematico. Tali personaggi verranno incontrati nell’arco del quinquennio e, di volta in volta, ci saranno diverse occasioni per approfondire periodi storici e contributi apportati.

Il termine matematica deriva dal greco μάθημα (máthema), tradotto come “scienza”, “conoscenza”, “apprendimento”. Di conseguenza il termine μαθηματικός (mathematikós) vuol dire “incline ad apprendere”.
La matematica si occupa dei problemi riguardanti le quantità, le figure, i movimenti dei corpi, facendo uso della logica. Essa viene considerata la regina delle scienze, in quando le sue applicazioni investono diversi rami del sapere (fisica, ingegneria, economia, informatica, scienze sociali, etc.). Leggi tutto “Introduzione alla Matematica e alla sua Storia”

Condividi