Wakelet Spaces e loro possibili usi in classe

Cosa sono i Wakelet Spaces?

Gli “Spaces” di Wakelet consistono in una nuova funzione di organizzazione e collaborazione integrata direttamente nella piattaforma Wakelet. Con pochi clic, gli utenti possono creare uno “spazio” per ospitare i contenuti da condividere.

In questo modo, gli utenti con molte raccolte nei loro account Wakelet possono spostare i contenuti in uno spazio, per tenere ordinate le proprie raccolte.

Le raccolte possono essere spostate in uno spazio passando il mouse sull’icona della raccolta e facendo clic sui tre puntini in alto a destra, quindi su “Move collection”. Read more

Condividi

Wakelet e il modello SAMR

L’introduzione delle tecnologie nella didattica non ha immediatamente cambiato le consuetudini e le prassi didattiche fino ad allora ben strutturate. Per diversi anni non sono apparsi dei cambiamenti rispetto a quanto fatto in precedenza.

Il modello S.A.M.R. (Sostituzione, Ampliamento, Modificazione, Ridefinizione), sviluppato da Ruben Puentedura, viene utilizzato per la comprensione dei cambiamenti che avvengono rispetto a realtà già radicate.

Prendendo come esempio l’introduzione del digitale nella didattica, inizialmente avverrà un processo di pura sostituzione, in cui si assisterà a una rimodulazione delle attività già svolte dal docente in forma analogica; successivamente, l’esperienza lo orienterà verso scelte più ragionate e apporterà delle vere modifiche al proprio modus operandiContinua a leggere

Condividi

Che cos’è il cyberbullismo?

Il cyberbullismo consiste nell’uso delle nuove tecnologie per molestare, imbarazzare, intimorire, far sentire a disagioo escludere altre persone.

Esso si realizza mediante:

  • ›Telefonate (insistenti e offensive)
  • ›SMS (con o senza immagini allegate)
  • ›WhatsApp
  • ›Chat
  • ›E-mail
  • ›Social network (Facebook, Twitter, etc.)
  • ›Siti di domande e risposte e di giochi online
  • ›Forum di discussione

Scarica il file PDF: Cyberbullismo

Allegati

Condividi

Pearltrees, utile strumento per la cura dei contenuti

Pearltrees (“alberi di perle”) è uno strumento o tools gratuito per raccogliere, organizzare e condividere risorse come siti, pagine web, video, e ogni altro genere di informazione che si può trovare sul web.

Questa web app consente al docente di creare un archivio condiviso di risorse e materiali didattici e allo studente di esercitarsi in alcune delle più importanti capacità e abilità di ordine cognitivo e comunicativo quali: cercare le informazioni, confrontarle, selezionarle, classificarle attraverso la creazione di categorie e la loro organizzazione gerarchica. Read more

Condividi

Identità digitale ed e-reputation

Gianfranco Marini ha tradotto un’infografica sull’identità digitale e la salvaguardia della propria reputazione in rete. Le informazioni fornite consistono in un insieme di informazioni utili da conoscere quando lasciamo le nostre tracce  in rete, in quanto ciò che si diffonde tramite la rete rimane in essa intrappolato e può essere rintracciato da chiunque. 

Tratto da AulaBlog

Identità Digitale e Tracce Online
In un “vecchio” Post pubblicato su Mashable l’11/02/2011 e intitolato “Protecting Your Online Reputation: 4 Things You Need to Know“, viene presentata un’infografica che fornisce utili consigli e suggerisce tecniche per “coltivare” la propria “reputazione digitale“. Il tema della “e-reputation” o “digital identity” è uno dei più importanti e cruciali problemi del nostro tempo.
Il web costituisce una realtà sempre più intrecciata e sovrapposta a quella fisica e muovendoci e agendo in questo “mondo virtuale” lasciamo delle “tracce” o “footprint” che, nel loro insieme, costituiscono la nostra “identità digitale”, altrettanto importante e reale di quella che ci caratterizza nel mondo “fisico”.
Tuttavia poco ci curiamo di essa, specie gli studenti, anche se ci espone molto di più rispetto alla nostra identità fisica. Le nostre “tracce digitali” sono, infatti sempre sotto gli occhi di tutti, accessibili da qualunque luogo e in qualunque momento, spesso neanche ci accorgiamo di quando le lasciamo. Queste tracce rimangono “per sempre” e chiunque può “rintracciare” le nostre tracce.

Read more

Condividi

Social Network: attenzione agli effetti collaterali

Facebook, MySpace & Co. È vivo il dibattito tra coloro che esaltano le rivoluzionarie possibilità di comunicazione offerte dai social network e coloro che ne vedono solo i pericoli per la vita privata e i diritti dei naviganti.

Il Garante per la privacy ha deciso di mettere a punto una breve guida per aiutare chi intende entrare in un social network o chi ne fa già parte a usare in modo consapevole uno strumento così nuovo. Non un manuale esaustivo, ma un agile vademecum sia per persone alle prime armi, sia per utenti più esperti. Read more

Allegati

Condividi

Sicurezza, privacy e copyright. Materiali dei corsi di formazione per docenti e animatori digitali

Dal 3 al 7 aprile 2017 l’avv. Simone Aliprandi, consulente nell’ambito del diritto d’autore e del diritto dell’ICT, ha tenuto dei corsi PON/FSE presso lo snodo formativo “Istituto De Pace” di Lecce rivolti a docenti, animatori digitali e personale amministrativo.

Gli argomenti delle singole lezioni:  Read more

Condividi

Insiemistica con Wiris: scheda di lavoro per gli studenti

Viene proposta una scheda di lavoro inerente alle operazioni con gli insiemi. Dati due insiemi e l’insieme universo, si chiede di determinare unione, intersezione e complementari, utilizzando la piattaforma gratuita Wiris. L’esercizio viene prima analizzato e, successivamente, gli studenti vengono guidati nella risoluzione dello stesso.

Insiemistica con Wiris

Allegati

Condividi

Apptivity sui problemi che hanno come modello un’equazione di primo grado

Questa Apptivity, da realizzare grazie all’uso delle app disponibili su smartphone o tablet, è relativa ai problemi che hanno come modello un’equazione di primo grado e quindi può essere realizzata nelle prime classi del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado. Lo scopo è quello di far sì che gli studenti, divertendosi, possano cimentarsi nella risoluzione di tali problemi e, nello stesso tempo, si può cercare di indirizzarli nel processo inverso, ossia in quello che li porta a inventare un problema partendo da una semplice equazione. Read more

Condividi
1 2 3