Uso dei codici QR nella didattica speciale

I codici QR (Quick Response) si stanno configurando come un valido strumento di aiuto nella didattica speciale al fine della differenziazione degli insegnamenti. La rapida diffusione è favorita dalla semplice accessibilità, in quanto basta un semplice smartphone o un tablet per effettuare la scansione del codice e accedere alle informazioni in esso contenute.

La rete mette a disposizione una serie di servizi che permettono la creazione dei codici QR che possono successivamente essere utilizzati con gli studenti con una motricità limitata, con disturbi del linguaggio, o con limitate abilità cognitive.

Infatti, gli insegnanti possono utilizzare questo strumento per far sì che i propri studenti con difficoltà possano accedere ai dati in modo rapido e indipendente.   Si possono inserire link che conducano direttamente a video di YouTube, informazioni e file contenuti in Dropbox, link a specifici siti web, semplici testi.

I codici QR possono anche essere utilizzati per promuovere e migliorare i rapporti scuola-famiglia, proprio grazie alla possibilità di condivisione delle informazioni con i genitori degli allievi.

Nel caso degli studenti con bisogni educativi speciali possono essere utilizzati per:

  • segnalare video,
  • segnalare modelli di verifiche che successivamente svolgeranno in classe,
  • spunti di introduzione ad attività didattiche da svolgere con gli altri compagni,
  • attività di alfabetizzazione,
  • inviare comunicazioni,
  • far sì che i genitori possano vivere una parte della giornata del loro figlio.

È stato dimostrato che gli studenti che hanno accesso all’uso di codici QR sono più indipendenti e partecipi, inoltre auto-regolano meglio il loro sistema sensoriale.

Facebook Comments

Print Friendly, PDF & Email



Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.